I GP secondo Giancarlo – Australia: vince la Ferrari “sbagliata” …

Commenti e opinioni di Giancarlo Minardi raccolti da Maurizio Quarta

Continuano gli appuntamenti con la rubrica che ospiterà per tutto l’arco della stagione sportiva della F1 i commenti, di Giancarlo Minardi raccolti da Maurizio Quarta al termine di ogni gran premio. Ringraziamo Giancarlo per la solita grande disponibilità a condividere il suo pensiero, intellettualmente onesto e molto trasparente e sempre tanto apprezzato dai lettori.

Finalmente qualcosa di nuovo!

Prima vittoria stagione e prima doppietta per Ferrari che sfrutta nel migliore dei modi il ritiro di Max Verstappen. Una boccata d’ossigeno per Ferrari (e per la F1) che saluta Melbourne con diversi segnali positivi, dettati da una vettura competitiva che sul finale ha agguantato anche il giro più veloce con Leclerc.

 

Come leggere i problemi sulla vettura di Verstappen?

Primo segnale di fragilità in casa Red Bull a pochi giri dal via, anche se i problemi sulla vettura di Verstappen sono emersi fin dalle prime curve. Probabilmente dovuto ad un assemblaggio non perfetto.

 

Perez però non è riuscito a sostituire degnamente il suo caposquadra …

Questa “caduta” non cancella l’ottimo avvio da parte della RB20 e dell’olandese che restano il punto di riferimento, ma i 56” di distacco accusati da Sergio Perez nei confronti del leader Sainz potrebbero rappresentare un ulteriore segnale di allarme.

 

Ferrari e McLaren hanno invece “sostituito” degnamente Verstappen …

Abbiamo assistito ad un gran premio tirato per tutte le 58 tornate con una bella sequenza di giri da parte dei piloti Ferrari e McLaren. Norris ha segnato la sua migliore prestazione al 50esimo passaggio, migliorata poi definitivamente da Leclerc al 57°.

 

Buio semi-pesto per Mercedes …

Problemi di affidabilità anche in casa Mercedes col ritiro di Lewis Hamilton. A prima vista, l’uscita di pista di George Russell, mi aveva fatto pensare ad un problema tecnico, legato al posteriore, sulla sua W15.

… anche se l’uscita di Russell è stata “maliziosamente” indotta da Alonso …

Infatti, successivamente è arrivata la penalità di 20” a Fernando Alonso per “guida potenzialmente pericolosa”. Lo spagnolo, sesto al traguardo e retrocesso all’8° posto, ha anticipato la frenata di 100 metri per poi tornare a dare gas prima di rallentare nuovamente per affrontare la curva. Operazione che ha fatto spesso durante la gara, accentuandola in quella circostanza. La penalità è stata anche fin troppo leggera.

 

… il cui comportamento ha reso felice più di un pilota …

Ad approfittarne della situazione, insieme a Lance Stroll (salito in 6° posizione) e Yuki Tsunada ( 7° posto per il pilota RB) anche la Haas che conquista la zona punti con Nico Hulkenberg (9°) e Kevin Magnussen (P10).

 

 

 

Hai sempre un occhio sui giovani piloti italiani …

E’ stato un fine settimana positivo anche per i nostri ragazzi impegnati in F2 e F3. Andrea Kimi Antonelli ha conquistato il quarto posto riscattando brillantemente l’errore commesso il sabato. Credo che il team Prema abbia ancora un buon margine di miglioramento. Sul dritto era in difficoltà rispetto alla concorrenza nonostante il DRS. In F.3 Leonardo Fornaroli (Trident) e Gabriele Minì (Prema) firmano rispettivamente il secondo e terzo posto. Certamente un bel segnale per il futuro.

 

Prossimo appuntamento: GP del Giappone, Suzuka (5-7 aprile)

 

Foto 1- (Credit: Ferrari Trento)
Foto 2- (Credit: Maurizio Quarta)